Probiotici innovativi
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
San Antonio Breast Symposium
Tumore Ovaie

Dimensioni del cancro al seno, sovradiagnosi ed efficacia dello screening mammografico


L'obiettivo dello screening mammografico è di individuare i piccoli tumori maligni prima che diventino abbastanza grandi da causare sintomi.
Uno screening efficace deve quindi portare alla rilevazione di un maggior numero di piccoli tumori, seguita da un numero inferiore di grandi tumori nel tempo.

Sono stati utilizzati i dati del programma SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ), effettuato nel periodo 1975-2012, per calcolare la distribuzione delle dimensioni del tumore e l'incidenza specifica per le dimensioni del tumore al seno tra le donne di 40 anni di età e oltre.

È stato poi calcolato il tasso di letalità del cancro specifico per le dimensioni in due periodi di tempo: un periodo basale prima dell'attuazione della mammografia di screening diffuso ( dal 1975 al 1979 ) e un periodo che comprendeva gli anni più recenti per i quali erano disponibili 10 anni di dati di follow-up ( dal 2000 al 2002 ).

Dopo l'avvento dello screening mammografico, la percentuale rilevata di tumori al seno che erano piccoli ( tumori invasivi di misura inferiore a 2 cm o carcinomi in situ ) è aumentata dal 36% al 68%; la percentuale rilevata di tumori che erano di grandi dimensioni ( tumori invasivi di misura uguale o superiore a 2 cm ) è diminuita dal 64% al 32%.

Tuttavia, questa tendenza non è stata il risultato di una sostanziale diminuzione dell'incidenza di tumori di grandi dimensioni ( con 30 casi in meno di tumori osservati per 100.000 donne nel periodo dopo l'avvento dello screening rispetto al periodo precedente allo screening ), bensì il risultato di un sostanziale aumento nella rilevazione di tumori di piccole dimensioni ( con 162 nuovi casi di cancro osservati per 100.000 donne ).

Supponendo che il carico di malattia di fondo fosse stabile, solo 30 dei 162 ulteriori piccoli tumori per 100.000 donne che sono state diagnosticate sono stati stimati destinati a progredire per diventare grandi tumori, il che implicava che i restanti 132 casi di tumore ogni 100.000 donne erano sovradiagnosticati ( ad esempio, sono stati rilevati allo screening casi di cancro che non avrebbero mai portato a sintomi clinici ).

Il potenziale dello screening nel ridurre la mortalità per carcinoma alla mammella si riflette nel declino dell'incidenza dei tumori più grandi.
Tuttavia, per quanto riguarda solo questi tumori di grandi dimensioni, il calo del tasso di mortalità specifico per dimensioni suggerisce che un miglioramento del trattamento era responsabile per almeno due terzi della riduzione della mortalità per tumore al seno.

In conclusione, sebbene il tasso di rilevamento di grandi tumori sia calato dopo l'introduzione della mammografia, la distribuzione di dimensioni più favorevoli è principalmente il risultato del rilevamento supplementare di piccoli tumori.
Le donne hanno avuto più probabilità di avere una sovradiagnosi di tumore alla mammella piuttosto che avere una diagnosi precoce di un tumore destinato a diventare grande.
La riduzione della mortalità per cancro al seno dopo l'attuazione dello screening mammografico è prevalentemente il risultato di una migliore terapia sistemica. ( Xagena2016 )

Welch HG et al, N Engl J Med 2016; 375: 1438-1447

Onco2016 Gyne2016 Diagno2016



Indietro