Probiotici innovativi
ESG 2017
Tumore Ovaie

Il rischio di scompenso cardiaco può essere maggiore nelle donne in postmenopausa


Le donne in postmenopausa con un periodo riproduttivo più breve hanno mostrato un più alto rischio di scompenso cardiaco incidente e le donne, che non avevano mai partorito, hanno presentato un aumento del rischio di scompenso cardiaco e frazione di eiezione conservata [ HFpEF ].

Sono stati esaminati i dati di 28.516 donne in postmenopausa che avevano preso parte allo studio WHI ( Women’s Health Initiative ) per determinare il legame tra il rischio di scompenso cardiaco e i fattori riproduttivi.
Le pazienti con preesistente malattia cardiovascolare come ictus, scompenso cardiaco, malattia coronarica o infarto miocardico, sono state escluse dallo studio.

Le pazienti sono state seguite per una media di 13.1 anni.

L'età media per le donne era di 63 anni allo screening, 13 anni al menarca e 47 anni alla menopausa.
La durata totale dello stato riproduttivo per tutte le donne era di 34 anni.

L'esito primario era il tempo di prima ospedalizzazione per insufficienza cardiaca acuta scompensata definita o probabile o per insufficienza cardiaca stabile.
Altri esiti comprendevano: il tempo per l'insorgenza di scompenso cardiaco e frazione d'eiezione conservata ( frazione eiezione del 50% ) o scompenso cardiaco con una frazione di eiezione ridotta ( frazione di eiezione inferiore al 50% ).

L'ospedalizzazione per scompenso cardiaco si è verificata nel 5.2% delle donne ( n=1.494 ).
Quelle con una più breve durata riproduttiva avevano un rischio maggiore di scompenso cardiaco ( hazard ratio, HR = 0.99 all'anno, IC 95%, 0.98-0.99 ), con un hazard ratio aggiustato a 5 anni di 0.95 ( IC 95%, 0.91-0.99 ).

Dopo aggiustamento per l'età, un aumentato rischio di scompenso cardiaco è risultato correlato alle donne che avevano partorito prima dell'età di 20 anni ( HR= 1.42; IC 95%, 1.16-1.75 ) o a nulliparità ( HR=1,8; IC 95%, 1.07- 3.03 ).
Dopo aggiustamento per le multivariabili, le correlazioni non erano statisticamente significative sia per la nulliparità ( HR= 1.7, IC 95%, 0.95-3.03 ) sia per la gravidanza in più giovane età ( HR=1.42; IC 95%, 1.16-1.75 ).

Le donne con nulliparità avevano un rischio statisticamente aumentato per insufficienza cardiaca nei modelli corretti per le multivariabili ( HR=2.75, IC 95%, 1.16-6.52 ) e modelli aggiustati per l'età ( HR=2.57; IC 95%, 1.22-5.44 ).

L'età precoce per la menopausa era correlata a un legame tra l'aumentato rischio per scompenso cardiaco e la più breve durata della riproduzione ( HR=0.99 per anno supplementare prima della menopausa; IC 95%, 0.98-0.99 ).
Il legame è stato osservato anche nelle donne con menopausa naturale ( HR=0.97 all'anno prima della menopausa naturale, IC 95%, 0.96-0.99 ). ( Xagena2017 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2017

Cardio2017 Gyne2017



Indietro