Vulvodinia Survey
Xagena Mappa
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Analisi dei fattori di rischio di recidiva nelle pazienti con tumore della cervice dopo trattamento per risparmiare la fertilità: studio FERTIlity Sparing Surgery


Il trattamento che risparmia la fertilità nelle pazienti con tumore della cervice dovrebbe, in linea di principio, seguire algoritmi identici a quello nelle pazienti senza futuri piani riproduttivi.

Negli ultimi anni, nella letteratura medica è diventata evidente una tendenza verso procedure non-radicali, come la conizzazione o la trachelectomia semplice, a causa della loro associazione con migliori esiti della gravidanza.

Tuttavia, i rapporti pubblicati includevano un piccolo numero di pazienti e strategie di trattamento eterogenee per accertare la sicurezza di tali approcci.

Questo studio mirava a raccogliere dati multicentrici riguardanti gli esiti oncologici dopo il trattamento di risparmio di fertilità in pazienti con cancro della cervice e identificare i fattori di rischio prognostici, inclusa l'influenza della radicalità delle singole procedure della cervice.

Le pazienti di età compresa tra 18 e 40 anni con stadio IA1 FIGO ( International Federation of Gynecology and Obstetrics ) 2018 con invasione dello spazio linfovascolare positivo o tumore della cervice superiore o uguale a IA2 che sono state sottoposte a qualsiasi tipo di procedura di risparmio della fertilità erano eleggibili per questo studio osservazionale retrospettivo, indipendentemente dal loro istotipo, grado del tumore e anamnesi di chemioterapia neoadiuvante.

Sono state analizzate le associazioni tra le caratteristiche correlate alla malattia e al trattamento con il rischio di recidiva.

In questo studio sono stati inclusi in totale 733 pazienti provenienti da 44 centri di 13 Paesi.
Quasi la metà delle pazienti aveva un tumore della cervice in stadio IB1 ( 49% ) e due terzi delle pazienti erano nullipare ( 66% ).

Dopo un follow-up mediano di 72 mesi, 51 pazienti ( 7% ) hanno manifestato recidiva, di cui 19 ( 2.6% ) sono decedute a causa della malattia.
Le sedi più comuni di recidiva erano la cervice ( 53% ) e i linfonodi pelvici ( 22% ).

Il rischio di recidiva è stato 3 volte superiore nelle pazienti con tumori di dimensioni superiori a 2 cm rispetto ai pazienti con tumori più piccoli, indipendentemente dalla radicalità del trattamento ( 19.4% vs 5.7%; hazard ratio, HR=2.982; P=0.005 ).

Il rischio di recidiva nelle pazienti con tumori di dimensioni inferiori o uguali a 2 cm non è variato tra pazienti sottoposte a trachelectomia radicale e pazienti sottoposte a procedure sulla cervice non-radicali ( conizzazione e trachelectomia semplice ) ( P=0.957 ), indipendentemente dalla sottocategoria delle dimensioni del tumore ( inferiore a 1 o 1-2 cm ) o dall'invasione dello spazio linfovascolare.

In questo ampio studio retrospettivo multicentrico, le procedure sulla cervice non-radicali che risparmiano la fertilità non sono state associate a un aumentato rischio di recidiva rispetto alle procedure radicali in pazienti con tumori di dimensioni inferiori o uguali a 2 cm.

Il rischio di recidiva dopo qualsiasi tipo di procedura di risparmio della fertilità è risultato significativamente maggiore nelle pazienti con tumori di dimensioni superiori a 2 cm. ( Xagena2023 )

Slama J et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: P443.E1-443.E10

Gyne2023 Onco2023



Indietro