Tumore Mammella
OncoGinecologia
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Cambiamenti nel peso corporeo e nell'indice BMI associati a ridotta sopravvivenza nel cancro dell'endometrio


Secondo uno studio, i cambiamenti nel peso o nell'indice di massa corporea ( BMI ) al momento della diagnosi del cancro dell'endometrio sono associati a una ridotta sopravvivenza.

Lo studio ha mostrato che i pazienti con un aumento o una perdita di peso o indice BMI pari o superiore al 5% da 1 anno prima della diagnosi a 4 mesi dopo la diagnosi hanno sperimentato una riduzione di circa il 50% della sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) e della sopravvivenza globale ( OS ).

Il monitoraggio delle fluttuazioni di peso al momento della diagnosi del carcinoma dell'endometrio, insieme a interventi per assistere questi individui a rischio, potrebbe aiutare a migliorare la sopravvivenza in questa popolazione.

I ricercatori hanno preso in esame le donne sopravvissute al tumore dell'endometrio circa 4 mesi dopo la diagnosi ( peri-diagnosi; n=540 ) e 3 anni dopo la diagnosi ( follow-up; n=425 ).
Queste valutazioni includevano misurazioni antropometriche dirette e la storia auto-riferita del peso nel corso della vita.

A 4 mesi dalla diagnosi, l'età media delle pazienti era di 59 anni, il peso medio era di 85 kg e la circonferenza vita media era di 98 cm.
La maggior parte delle pazienti ( 79.3% ) aveva tumori di stadio I.

A un follow-up mediano di 14.2 anni, 132 pazienti hanno presentato una recidiva della malattia o sono deceduti.
Ci sono stati 50 decessi per cancro dell'endometrio e 111 decessi complessivi.

I ricercatori hanno trovato un'associazione tra ridotta sopravvivenza libera da malattia e un indice BMI di 30 kg/m2 a 1 anno prima della diagnosi ( hazard ratio, HR=1.88; IC 95%, 1.09-3.22 ) e peri-diagnosi ( HR=2,04; IC 95%, 1.18-3.53 ).

E' stata anche trovata un'associazione tra ridotta sopravvivenza libera da malattia e peso di 90.7 kg o superiore 1 anno prima della diagnosi ( HR=1.88; IC 95%, 1.15-3.07 ) e peri-diagnosi ( HR=1.60; IC 95%, 0.99-2.57 ).

Inoltre, una circonferenza vita di 88 cm o più in peri-diagnosi era associata a ridotta sopravvivenza libera da malattia ( HR=1.94; IC 95%, 1.24-3.03 ) e ridotta sopravvivenza globale ( HR=1.90; IC 95%, 1.16-3.13 ).

Nel complesso, si è verificata una diminuzione di circa 2 volte sia della sopravvivenza libera da malattia che della sopravvivenza globale con una variazione del 5% o valore superiore dell'indice BMI o del peso da 1 anno prima della diagnosi alla peridiagnosi.

Questa osservazione si allinea con le associazioni precedentemente riportate tra 10.0% o più di variazione di peso 6 mesi prima della diagnosi di cancro e ridotta sopravvivenza.
Diversi meccanismi biologici sottostanti possono contribuire all'aumento di peso e all'associazione tra sopravvivenza e perdita di peso.

Gli studi futuri dovrebbero includere misurazioni più sofisticate dell'adiposità e della composizione corporea per approfondire la comprensione dell'impatto che il peso post-diagnosi ha sulla sopravvivenza. ( Xagena2021 )

Fonte: JNCI: Journal of the National Cancer Institute, 2021

Gyne2021 Onco2021 Endo2021



Indietro