Xagena Mappa
Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia

Effetto della terapia ormonale sostitutiva sugli eventi cardiovascolari nelle donne in postmenopausa recente


Uno studio, in aperto, randomizzato e controllato, con dati raccolti nel periodo 1990-1993, ha esaminato l'effetto a lungo termine della terapia ormonale sostitutiva sugli esiti cardiovascolari in donne in post-menopausa da breve tempo.

Sono state coinvolte 1.006 donne sane di età compresa tra 45 e 58 anni ,da poco in postmenopausa o con sintomi di perimenopausa con misurazioni del ormone follicolo-stimolante ( FSH ) sierico in post-menopausa.
Di queste, 502 donne sono state assegnate in modo casuale a ricevere la terapia ormonale sostitutiva e 504 a non-ricevere alcun trattamento ( gruppo controllo ).

Le donne che avevano subito una isterectomia sono state incluse se erano di età compresa tra 45 e 52 anni e se erano disponibili i loro valori sierici di ormone follicolo-stimolante in postmenopausa.

Nel gruppo di trattamento, le donne con utero intatto sono state trattate con Estradiolo trifasico e Noretisterone acetato, mentre le donne che avevano subito una isterectomia hanno ricevuto 2 mg di Estradiolo al giorno.

L'intervento è stato interrotto dopo circa 11 anni a causa di segnalazioni avverse da altri studi, ma le partecipanti sono state seguite per gli esiti di morte, malattia cardiovascolare e cancro per un massimo di 16 anni.

Sono state effettuate analisi di sensitività su donne che hanno usufruito per più dell’80% del trattamento prescritto per 5 anni.

L'endpoint primario era un composito di morte, ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca e infarto del miocardio.

All'inclusione nello studio, le donne, in media, avevano 50 anni ed erano in post-menopausa da 7 mesi.

Dopo 10 anni di intervento, 16 donne nel gruppo di trattamento hanno raggiunto l'endpoint composito primario, rispetto a 33 donne nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR=0.48, P=0.015 ) e 15 sono decedute a fronte di 26 ( HR=0.57, P=0.084 ).

La riduzione di eventi cardiovascolari non è stata associata a un aumento di qualsiasi tipo di cancro ( 36 nel gruppo trattato vs 39 nel gruppo di controllo, HR=0.92, P=0.71 ) o del cancro al seno ( 10 nel gruppo trattato vs 17 nel gruppo di controllo, HR=0.58, P=0.17 ).

L’hazard ratio per la trombosi venosa profonda ( 2 nel gruppo trattato vs 1 nel gruppo di controllo ) è stato pari a 2.01 e per l'ictus ( 11 nel gruppo trattato vs 14 nel gruppo di controllo ) è stato 0.77.

Dopo 16 anni la riduzione dell’esito primario composito era ancora presente e non-associata ad alcun aumento di qualsiasi tipo di tumore.

In conclusione, dopo 10 anni di trattamento randomizzato, le donne in terapia ormonale sostitutiva subito dopo la menopausa hanno apresentato una significativa riduzione del rischio di mortalità, insufficienza cardiaca o infarto miocardico, senza alcun apparente aumento del rischio di cancro, tromboembolismo venoso, o ictus. ( Xagena2012 )

Schierbeck LL et al, BMJ 2012; 345: e6409

Gyne2012 Cardio2012 Onco2012 Farma2012


Indietro