Vulvodinia
Vulvodinia - Graziottin
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Esiti clinici di Leuprolide acetato nel trattamento dei tumori a cellule della granulosa dell'ovaio ricorrenti


Il trattamento ottimale dei tumori a cellule della granulosa dell'ovaio ricorrenti non è definito.
Studi preclinici e piccole serie di casi hanno suggerito un'attività antitumorale diretta degli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine ( GnRH ) nel trattamento di questa malattia, ma si sa poco sull'efficacia e sulla sicurezza di questo approccio.

Sono stati descritti i modelli di utilizzo e gli esiti clinici di Leuprolide acetato in una coorte di pazienti con tumori a cellule della granulosa ricorrenti.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo di pazienti arruolati nel registro delle neoplasie ginecologiche rare presso un grande centro di riferimento per il cancro e un ospedale di contea affiliato.

Le pazienti che soddisfacevano i criteri di inclusione avevano una diagnosi di tumore a cellule della granulosa ricorrente e ricevevano Leuprolide acetato oppure chemioterapia tradizionale come trattamento antitumorale.

Gli esiti sono stati esaminati separatamente per Leuprolide acetato utilizzato come trattamento adiuvante, terapia di mantenimento e trattamento della malattia grave.

I dati demografici e clinici sono stati riassunti utilizzando statistiche descrittive. La sopravvivenza libera da progressione è stata calcolata dall'inizio del trattamento fino alla data della progressione della malattia o del decesso e confrontata tra i gruppi con il log-rank test.

In tutto 62 pazienti hanno ricevuto in totale 78 cicli di terapia contenenti Leuprolide acetato, a causa di 16 casi di ritrattamento. Di questi 78 cicli, 57 ( 73% ) erano per il trattamento della malattia complessiva, 10 ( 13% ) erano adiuvanti alla chirurgia riduttiva del tumore e 11 ( 14% ) erano per la terapia di mantenimento.

Le pazienti avevano ricevuto una mediana di 2 regimi terapeutici sistemici prima del loro primo trattamento con Leuprolide acetato.
La chirurgia riduttiva del tumore ( 100%, 62/62 ) e la chemioterapia a base di Platino ( 81%, 50/62 ) erano comuni prima della prima esposizione a Leuprolide acetato.

La durata mediana della terapia con Leuprolide acetato è stata di 9.6 mesi.
Quasi la metà dei cicli di terapia erano Leuprolide acetato in monoterapia ( 49%, 38/78 ).
I regimi di combinazione più spesso includevano un inibitore dell'aromatasi ( 23%, 18/78 ).

La progressione della malattia è stata la causa più comune di interruzione ( 77%, 60/78 ); solo 1 paziente ( 1% ) ha interrotto Leuprolide acetato a causa di eventi avversi.
Nel trattamento della malattia macroscopica, il tasso di beneficio clinico a 6 mesi per il primo utilizzo di Leuprolide acetato è stato del 66%.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana non è stata statisticamente diversa rispetto a quella delle persone che seguivano la chemioterapia ( 10.3 mesi vs 8.0 mesi; P=0.3 ).

In un'ampia coorte di pazienti con tumori a cellule della granulosa ricorrenti, il tasso di beneficio clinico a 6 mesi del primo trattamento con Leuprolide acetato della malattia macroscopica è stato del 66% e la sopravvivenza libera da progressione era paragonabile a quella delle pazienti trattate con chemioterapia.
I regimi di Leuprolide acetato erano eterogenei, ma la tossicità significativa è stata rara.

Questi risultati supportano la sicurezza e l'efficacia della Leuprolide acetato per il trattamento dei tumori a cellule della granulosa dell'adulto recidivanti in seconda linea e oltre. ( Xagena2023 )

Foster KI et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: 724.e1-724.e9

Gyne2023 Onco2023 Farma2023



Indietro