Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

Estrogeni vaginali perioperatori in aggiunta alla riparazione del prolasso apicale vaginale del tessuto nativo


Le riparazioni chirurgiche del prolasso apicale / uterovaginale vengono comunemente eseguite utilizzando i legamenti pelvici del tessuto nativo come punto di attacco per la cuffia vaginale dopo una isterectomia.

I medici possono raccomandare gli estrogeni vaginali nel tentativo di ridurre le recidive del prolasso, ma gli effetti degli estrogeni intravaginali sulla gestione chirurgica del prolasso sono incerti.

È stata confrontata l'efficacia della crema perioperatoria a base di estrogeni vaginali rispetto al placebo sulla recidiva di prolasso dopo riparazione chirurgica del prolasso del tessuto nativo.

Uno studio clinico randomizzato di superiorità è stato condotto in 3 centri clinici degli Stati Uniti ( Texas, Alabama, Rhode Island ).

Donne in post-menopausa ( n=206 ) con fastidioso prolasso vaginale anteriore e apicale interessate alla riparazione chirurgica sono state arruolate in cliniche di uroginecologia tra il 2016 e il 2020.

L'intervento prevedeva 1 g di crema a base di estrogeni coniugati ( 0.625 mg/g ) o placebo, inserita nella vagina ogni notte per 2 settimane e poi due volte a settimana per completare almeno 5 settimane di applicazione prima dell'intervento; ciò è continuato due volte a settimana per 12 mesi dopo l'intervento.

Le partecipanti sono state sottoposte a isterectomia vaginale ( se era presente l'utero ) e fissazione apicale standardizzata ( fissazione del legamento uterosacrale o sacrospinoso ).

L'esito primario era il tempo al fallimento della riparazione del prolasso entro 12 mesi dopo l'intervento chirurgico, definito da almeno 1 dei seguenti 3 esiti: prolasso anatomico / oggettivo delle pareti anteriore o posteriore oltre l'imene o l'apice discendente per più di un terzo della lunghezza vaginale, sintomi soggettivi di rigonfiamento vaginale o trattamenti ripetuti di prolasso.

Gli esiti secondari includevano misure della funzione urinaria e sessuale, sintomi e segni di atrofia urogenitale ed eventi avversi.

Delle 206 donne in post-menopausa, 199 sono state randomizzate e 186 sono state sottoposte a intervento chirurgico. L'età media delle partecipanti era di 65 anni.

L'esito primario non è risultato significativamente diverso per le donne che ricevevano estrogeni vaginali rispetto al placebo per 12 mesi: incidenza di fallimento a 12 mesi del 19% ( n=20 ) per gli estrogeni vaginali rispetto al 9% ( n=10 ) per il placebo ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.97 ), con la componente di recidiva anatomica che è stata più comune rispetto ai sintomi di rigonfiamento vaginale o al trattamento ripetuto del prolasso.

La valutazione da parte del chirurgo in cieco della qualità del tessuto vaginale e dell’estrogenizzazione è risultata significativamente migliore nel gruppo trattato con estrogeni vaginali al momento dell’intervento.

Nel sottogruppo di partecipanti con sintomi di atrofia vaginale almeno moderatamente fastidiosi al basale ( n=109 ), il punteggio di atrofia vaginale per i sintomi più fastidiosi è risultato significativamente migliore a 12 mesi con estrogeni vaginali.

L'applicazione aggiuntiva di estrogeni vaginali perioperatori non ha migliorato i tassi di successo chirurgico dopo la riparazione del prolasso transvaginale del tessuto nativo. ( Xagena2023 )

Rahn DD et al, JAMA 2023; 330: 615-625

Uro2023 Gyne2023



Indietro