Menopausa
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

La malattia di Addison aumenta il rischio di cardiopatia ischemica nelle donne


Le donne svedesi con malattia di Addison hanno maggiori probabilità di sviluppare cardiopatie ischemiche rispetto agli adulti sani o agli uomini con questa condizione, mentre sia gli uomini che le donne affetti da Addison hanno maggiore probabilità di morire di un evento coronarico rispetto ai controlli sani.

Gli studi che hanno confrontato i fattori di rischio cardiovascolare nelle coorti di pazienti con insufficienza surrenalica di eziologia prevalentemente autoimmune e controlli adeguatamente abbinati, sono rari.

Uno studio, condotto presso il Karolinska Institutet a Stoccolma in Svezia, ha analizzato i dati di 1.500 pazienti con malattia di Addison e 13.785 controlli abbinati, utilizzando i dati del Registro nazionale svedese dei pazienti, del Registro svedese dei farmaci prescritti e del Registro delle cause di morte per il periodo 1964-2013; è stata valutata la malattia cardiovascolare incidente ( eventi non-fatali ed eventi fatali ) tra il 2006 e il 2013.

I ricercatori hanno stimato dosi medie giornaliere di Idrocortisone e di Fludrocortisone e hanno stratificato le dosi di Idrocortisone per terzili in basse, medie e alte, e di Fludrocortisone in basse e alte per valutare i rischi correlati alla dose.
Sono stati utilizzati i modelli di rischio proporzionale di Cox per stimare gli hazard ratio ( HR ) per malattia cardiovascolare, cardiopatia ischemica e malattie cerebrovascolari, con aggiustamento per diabete mellito e malattia polmonare ostruttiva cronica.

Durante gli 8.807 anni-persona, sono stati osservati 94 eventi cardiovascolari iniziali nei pazienti con malattia di Addison contro 563 primi eventi cardiovascolari durante 80.163 anni-persona nei controlli abbinati, corrispondenti a un hazard ratio di 1.2 ( IC 95%, 0.95-1.51 ) dopo aggiustamento per diabete e malattia polmonare ostruttiva cronica.

I pazienti con malattia di Addison avevano una maggiore probabilità di sviluppare cardiopatia ischemica rispetto ai controlli ( HR aggiustato = 1.61, IC 95%, 1.22-2.12 ); tuttavia, non sono emerse differenze tra i gruppi per la malattia cerebrovascolare.

Quando sono stati stratificati per sesso, è stato osservato che le donne con malattia di Addison avevano il doppio delle probabilità di sviluppare cardiopatia ischemica, con un hazard ratio aggiustato di 2.15 ( IC 95%, 1,.49-3.1 ) versus 1.16 ( IC 95%, 0.75-1.78 ).

Non sono stati osservati effetti sesso-specifici per la malattia cerebrovascolare.

Nell'esaminare i rischi correlati alla dose di glucocorticoidi, i ricercatori hanno scoperto che dosi più elevate di Idrocortisone e Fludrocortisone erano associate a un aumento incrementale degli eventi cardiovascolari negli uomini e nelle donne, sebbene gli intervalli di confidenza fossero ampi e l'associazione assumesse importanza solo nelle donne a cui erano state prescritte alte dosi.

Tra i pazienti con malattia di Addison, 29 su 71 eventi di cardiopatia ischemica ( 40.8% ) hanno avuto esito fatale, mentre 96 su 338 eventi di cardiopatia ischemica ( 28.4% ) sono stati fatali tra i controlli ( P = 0.04 per differenza ).

I dati di questo studio sono a sostegno della prescrizione di bassi dosaggi di glucocorticoidi e di mineralcorticoidi sufficienti per il benessere.
Inoltre, è necessario un monitoraggio più attento dei fattori di rischio per la malattia cardiovascolare, specialmente nelle donne. ( Xagena2019 )

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2019

Gyne2019 Endo2019 Farma2019


Indietro