Tumore Mammella
XagenaNewsletter
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

L'aborto non peggiora gli esiti della malattia reumatica


Né gli aborti elettivi né quelli per ragioni mediche hanno prodotto esiti peggiori tra i pazienti con malattie reumatiche autoimmuni.

A causa dell'assenza di dati pubblicati, le lineeguida sulla salute riproduttiva dell'American of College of Rheumatology ( ACR ) recentemente pubblicate non sono state in grado di affrontare questo argomento e sono state criticate per non averlo fatto.

Per motivi etici, personali, legali e di assistenza sanitaria, non ci sarà mai uno studio controllato sull'interruzione della gravidanza, quindi una presentazione di dati osservativi può fornire un background per informare medici e pazienti.

Per fornire dati di riferimento sulla frequenza e la sicurezza dell'aborto elettivo tra i pazienti con malattie reumatiche autoimmuni, sono stati analizzati i pazienti del Barbara Volcker Center ( BVC ) for Women and Rheumatic Disease ( New York, USA ).
Sono stati anche esaminati i dati dello studio PROMISSE ( Predictors of Pregnancy Outcome: Biomarkers in Antiphospholipid Antibody Syndrome and Systemic Lupus Erythematosus ).

Il database BVC è costituito da cartelle clinice elettroniche che riportano le visite ambulatoriali tracciate nel periodo 2002-2016 e tutte le informazioni di laboratorio per il periodo 2007-2016.

Nello studio multicentrico e prospettico osservazionale PROMISSE, sono stati esaminati 445 pazienti con lupus eritematoso sistemico, sindrome da anticorpi antifosfolipidi / sindrome antifosfolipidica o entrambe le condizioni, nonché singole gravidanze della durata di 12 settimane o meno.
Era anche registrata una frequenza storica di aborto elettivo per pazienti con precedenti gravidanze.

Le donne con precedenti gravidanze, il 21.7% di 1.307 persone nel database BVC e il 25.3% dei 297 soggetti dello studio PROMISSE aveva storie da uno a cinque precedenti aborti elettivi.

Le donne nel database BVC non hanno riportato riacutizzazioni o ricoveri a causa di complicanze legate alla procedura.

Tra le 674 gravidanze incidenti, nel 2% dei casi è stata raccomandata l'interruzione per motivi fetali o materni.
Di questi casi, due feti sono morti prima che fosse eseguita la procedura e una donna ha rifiutato l'interruzione e, sebbene gravemente malata, ha partorito con successo. Questa donna è deceduta di cardiomiopatia 3 anni dopo.

Dallo studio osservazionale non sono emersi segnali avversi.
Non ci sono evidenze che l'interruzione della gravidanza, sia elettiva sia per ragioni mediche, peggiori lo stato dei pazienti con malattie autoimmuni sistemiche. ( Xagena2020 )

Fonte: Arthritis & Rheumatology, 2020

Reuma2020 Gyne2020


Indietro