Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

nab-Paclitaxel settimanale rispetto a Paclitaxel formulato con solvente dose-dense seguito da Epirubicina dose-dense più Ciclofosfamide nel tumore mammario in fase iniziale ad alto rischio HR+/HER2-: studio WSG-ADAPT-HR+/HER2-


Nel tumore al seno in fase iniziale ( EBC ) positivo ai recettori ormonali / negativo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HR+/HER2- ) ad alto rischio, Paclitaxel legato all'albumina in nanoparticellare ( nab ) ha mostrato un'efficacia promettente rispetto ai farmaci con Paclitaxel formulato con solvente ( sb ) negli studi nel setting neoadiuvante; tuttavia, la selezione ottimale delle pazienti e della terapia rimane un argomento di ricerca in corso.

E' stato preso in esame il potenziale del punteggio di recidiva Oncotype DX ( RS ) e della risposta alla terapia endocrina ( ET ) ( basso Ki67 post-terapia ) per la selezione della terapia.

Nell'ambito dello studio WSG-ADAPT, le pazienti con tumore al seno in fase iniziale HR+/HER2- ad alto rischio sono state randomizzate a ricevere neoadiuvante 4 x sb-Paclitaxel 175 mg/m2 a settimane alterne o 8 x nab-Paclitaxel 125 mg/m2 una volta a settimana, seguito da 4 x Epirubicina + Ciclofosfamide ( 90 mg + 600 mg ) ogni 2 settimane; criteri di inclusione: cN0-1, RS 12-25 e post-ET Ki67 superiore al 10%; cN0-1 con punteggio di recidiva superiore a 25.

Le pazienti con cN2-3 o G3, Ki67 al basale superiore o uguale al 40% e dimensioni del tumore superiori a 1 cm potevano essere incluse senza valutazione del punteggio di recidiva e/o della risposta alla terapia endocrina.

Le associazioni dei fattori chiave con gli endpoint di risposta patologica completa ( pCR ) ( primario ) e di sopravvivenza ( secondario ) sono state analizzate utilizzando modelli statistici di mediazione e moderazione.

In tutto 864 pazienti hanno ricevuto nab-Paclitaxel neoadiuvante ( n=437 ) o sb-Paclitaxel ( n=427 ); nab-Paclitaxel è risultato superiore per risposta patologica completa ( 20.8% vs 12.9%, P=0.002 ).

La risposta patologica completa è stata più alta per punteggio di recidiva superiore a 25 rispetto a punteggio di recidiva inferiore o uguale a 25 ( 16.0% rispetto a 8.4%, P=0.021 ) e per la mancata risposta alla terapia endocrina rispetto alla risposta alla terapia endocrina ( 15.1% rispetto a 6.0%, P=0.027 ); nessun fattore è stato predittivo per l’efficacia relativa di nab-Paclitaxel rispetto a sb-Paclitaxel.

Le pazienti con risposta patologica completa hanno presentato una più lunga sopravvivenza libera da malattia a distanza ( dDFS; hazard ratio [ HR ] 0.42, P=0.024 ).

Nonostante l’associazione prognostica favorevole del punteggio di recidiva superiore a 25 rispetto al punteggio di recidiva inferiore o uguale a 25 con risposta patologica completa ( odds ratio [ OR ] 3.11; P minore o uguale a 0.001 ), un punteggio di recidiva più elevato è risultato sfavorevolmente associato a sopravvivenza libera da malattia a distanza ( HR 1.03; P=0.010 ).

Nel tumore al seno in fase iniziale HR+/HER2- ad alto rischio, nab-Paclitaxel neoadiuvante una volta a settimana è apparso superiore a sb-Paclitaxel a settimane alterne per quanto riguarda la risposta patologica completa.

La combinazione della valutazione del punteggio di recidiva e della risposta alla terapia endocrina sembra selezionare le pazienti con più elevati tassi di risposta patologica completa.

Lo svantaggio di un punteggio di recidiva più elevato per sopravvivenza libera da malattia a distanza è stato ridotto nelle pazienti con risposta patologica completa.

Questi sono i primi risultati di un ampio studio randomizzato nel setting neoadiuvante che supporta l’uso del punteggio di recidiva per selezionare le pazienti per la chemioterapia neoadiuvante nel tumore mammario in fase iniziale HR+/HER2- ad alto rischio. ( Xagena2023 )

Gluz O et al, Ann Oncol 2023; 34: 531-542

Gyne2023 Onco2023 Farma2023



Indietro