Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Nati vivi dopo il trapianto di utero


Il trapianto di utero è il primo trattamento disponibile per l'infertilità uterina assoluta, causata dalla mancanza di utero o dalla presenza di un utero non-funzionale.
11 tentativi di trapianto di utero umano sono stati fatti in tutto il mondo, ma non è stato ancora segnalato alcun nato vivo.

Nel 2013, una donna di 35 anni con assenza congenita dell'utero ( sindrome di Rokitansky ) ha subito il trapianto di utero presso il Sahlgrenska University Hospital, Göteborg, in Svezia.

L'utero è stato donato da una donna viva, di 61 anni, con due precedenti parti. La fecondazione in vitro della destinataria e del suo partner era stata effettuata prima del trapianto, dalla quale sono stati crioconservati 11 embrioni.

La destinataria e la donatrice hanno avuto recuperi postoperatori sostanzialmente tranquilli.

La prima mestruazione della destinataria è avvenuta 43 giorni dopo il trapianto e ha continuato ad avere mestruazioni a intervalli regolari compresi tra 26 e 36 giorni ( mediana 32 giorni ).

1 anno dopo il trapianto, la destinataria ha subito il primo singolo trasferimento di embrioni, che ha portato a una gravidanza.
Le è stata poi somministrata immunosoppressione tripla ( Tacrolimus, Azatioprina e corticosteroidi ), che è stata continuata per tutta la gravidanza.
Ci sono stati tre episodi di rigetto lieve, uno dei quali si è verificato durante la gravidanza.
Questi episodi sono stati tutti risolti dal trattamento con corticosteroidi.

I parametri di crescita fetale e di flusso del sangue delle arterie uterine e del cordone ombelicale sono stati normali durante la gravidanza.

La paziente è stata ricoverata con pre-eclampsia a 31 settimane complete e 5 giorni, e 16 ore dopo è stato effettuato un parto cesareo a causa della cardiotocografia anormale.

È nato un bambino di sesso maschile con un peso alla nascita normale per l'età gestazionale ( 1.775 g ) e con punteggi APGAR 9, 9, 10.

È stato descritto il primo parto di bambino nato vivo dopo il trapianto dell'utero.
Questa relazione è un proof-of-concept per il trapianto dell'utero come trattamento per l'infertilità dovuta a fattore uterino.
Inoltre, i risultati hanno mostrato la fattibilità della donazione dell'utero da paziente viva, anche da donatrice postmenopausale. ( Xagena2015 )

Brännströmet M et al, The Lancet 2015;385:607-616

Gyne2015 Chiru2015



Indietro