Tumore Mammella
Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Xagena Mappa

Più alto rischio di tromboembolismo venoso con la terapia sostitutiva ormonale orale rispetto a quella transdermica


I preparati orali della terapia ormonale sostitutiva ( HRT ) per il trattamento dei sintomi della menopausa sono associati a un maggior rischio di tromboembolismo venoso ( TEV ) rispetto alla terapia HRT transdermica.

Il tromboembolismo venoso è risultato associato all'uso della terapia ormonale sostitutiva con soli estrogeni, ma mancano ricerche per la valutazione del rischio di tromboembolismo venoso con altri preparati per la terapia ormonale sostitutiva.

Per confrontare i tipi di terapia ormonale sostitutiva e i rischi associati di tromboembolismo venoso, è stato condotto uno studio caso-controllo nidificato utilizzando i dati di due database di ricerca di cure primarie del Regno Unito, che ha identificato 5795 donne con tromboembolismo venoso, mentre il controllo era costituito da 21.670 donne che erano state esposte a terapia HRT contenente Estradiolo entro 90 giorni dalla data indice.

Nelle donne sottoposte a terapia ormonale sostitutiva, 4915 donne con tromboembolismo venoso ( 85% ) e 16.938 donne del gruppo controllo ( 78% ) avevano ricevuto preparazioni orali, mentre 102 donne con tromboembolismo venoso ( 1.8% ) e 312 donne del gruppo controllo ( 1.4% ) avevano ricevuto anche la terapia ormonale sostitutiva transdermica.

I preparati HRT transdermici erano stati utilizzati solamente da 880 donne con tromboembolismo venoso ( 14% ) e da 4731 donne del gruppo controllo ( 19% ).
La maggior parte delle preparazioni transdermiche erano sotto forma di cerotto ( 87% ), mentre solo una piccola parte erano preparazioni per via sottocutanea o gel.

Complessivamente, l'uso della terapia orale è stato associato a un rischio significativamente aumentato di tromboembolismo venoso ( odds ratio [ OR ], 1.58, IC 95% 1.52-1.64 ) rispetto a nessuna esposizione, mentre la terapia HRT transdermica non è risultata associata a un aumentato rischio di tromboembolismo venoso ( OR=0.93, IC 95%, 0.87-1.01 ).

Per la terapia ormonale sostitutiva con soli estrogeni, l'Estradiolo ha presentato un rischio comparativo inferiore rispetto all'Estrogeno equino coniugato ( OR=0.85, IC 95%, 0.76-0.95 ); i preparati combinati di Estradiolo presentavano anche un rischio inferiore rispetto all'Estrogeno equino coniugato ( OR=0.83, IC 95%, 0.76-0.91 ).

Per la terapia ormonale sostitutiva combinata, rispetto a nessuna esposizione, l'Estrogeno coniugato equino con Medrossiprogesterone acetato era associato a più alto rischio di tromboembolismo venoso ( OR=2.10, IC 95%, 1.92-2.31 ) e l'Estradiolo con Didrogesterone ha riportato il rischio più basso ( OR=1.18; IC 95%, 0.98-1.42 ).

Un limite dlelo studio è che i dati sull'esposizione alla terapia HRT erano basati sui dati di prescrizione e non sull'uso effettivo.
Inoltre, i dati non includevano indicazioni precise per la terapia ormonale sostitutiva o l'età all'esordio della menopausa.

Tuttavia, il trattamento transdermico sembra essere sottoutilizzato, con la schiacciante preferenza per i preparati orali.
Quando le donne con sintomi della menopausa presentato già un aumentato rischio di tromboembolismo venoso a causa di comorbidità o obesità, queste donne e i loro medici dovrebbero prestare maggiore attenzione alla terapia ormonale sostitutiva transdermica. ( Xagena2019 )

Fonte: British Medical Journal, 2019

Cardio2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro