Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Rischio clinico e genomico per guidare l'uso della terapia adiuvante per il tumore al seno


L'uso della chemioterapia adiuvante nei pazienti con tumore mammario può essere guidato da fattori clinicopatologici e da un punteggio basato su un test a 21 geni per determinare il rischio di recidiva.
Non è noto se il livello di rischio clinico di recidiva del tumore mammario aggiunga informazioni prognostiche al punteggio di recidiva.

È stato eseguito uno studio prospettico che ha coinvolto 9.427 donne con tumore alla mammella positivo al recettore dell’ormone ( HR+ ), negativo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2- ), con linfonodo ascellare negativo, in cui era stato eseguito un test di 21 geni, ed è stato classificato il rischio clinico di recidiva di carcinoma mammario basso o alto in base alla dimensione del tumore e al grado istologico.

L'effetto del rischio clinico è stato valutato calcolando gli hazard ratio ( HR ) per recidiva a distanza con l'uso di modelli di rischi proporzionali di Cox.

La terapia endocrina iniziale era rappresentata dal solo Tamoxifene nella maggior parte delle donne in premenopausa di età pari o inferiore a 50 anni.

Il livello di rischio clinico è stato prognostico di recidiva a distanza nelle donne con un punteggio di recidiva intermedio a 21 geni da 11 a 25 ( su una scala da 0 a 100, con punteggi più alti che indicano una prognosi peggiore o un maggiore potenziale beneficio dalla chemioterapia ) che erano state assegnate casualmente alla terapia endocrina ( hazard ratio per il confronto tra rischio clinico elevato e basso, 2.73 ) o alla chemioterapia più terapia endocrina ( terapia chemioendocrina ) ( HR=2.41 ) e nelle donne con un alto punteggio di recidiva ( da 26 a 100 ), tutte assegnate alla terapia chemioendocrina ( HR=3.17 ).

Tra le donne di età pari o inferiore a 50 anni che avevano ricevuto la sola terapia endocrina, il tasso stimato di recidiva a distanza a 9 anni è stato inferiore al 5% ( minore o uguale all'1.8% ) con un punteggio di recidiva basso ( da 0 a 10 ), indipendentemente dal rischio clinico, e 4.7% con un punteggio di recidiva intermedio e un rischio clinico basso.

In questa fascia di età, la recidiva distante stimata a 9 anni ha superato il 10% tra le donne con un alto rischio clinico e un punteggio di recidiva intermedio che hanno ricevuto solo la terapia endocrina ( 12.3% ) e tra quelle con un alto punteggio di recidiva che hanno ricevuto la terapia chemioendocrina ( 15.2% ).

La stratificazione del rischio clinico ha fornito informazioni prognostiche che, se aggiunte al punteggio di recidiva a 21 geni, potrebbero essere utilizzate per identificare le donne in premenopausa che potrebbero beneficiare di una terapia più efficace. ( Xagena2019 )

Sparano JA et al, N Engl J Med 2019; 380: 2395-2405

Gyne2019 Onco2019 Farma2019


Indietro