Vulvodinia
Vulvodinia - Graziottin
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Sopravvivenza associata all’entità dell’isterectomia radicale nel tumore della cervice in stadio iniziale: una sottoanalisi dello studio collaborativo Surveillance in Cervical CANcer


Le linee guida internazionali raccomandano di adattare la radicalità dell’isterectomia in base alle note caratteristiche preoperatorie del tumore nelle pazienti con tumore della cervice in stadio iniziale.

Questo studio mirava a valutare se l’aumento della radicalità avesse un effetto sulla sopravvivenza libera da malattia a 5 anni nelle pazienti con cancro della cervice in stadio iniziale sottoposte a isterectomia radicale.
Gli obiettivi secondari erano la sopravvivenza globale a 5 anni e il modello di recidiva.

Si è trattato di uno studio internazionale, multicentrico e retrospettivo condotto dalla coorte collaborativa Surveillance in Cervical CANcer ( SCCAN ).

Sono state incluse pazienti con stadio IB1 e IIA1 FIGO ( International Federation of Gynecology and Obstetrics ) 2009 sottoposte a isterectomia radicale aperta di tipo B/C1/C2 secondo la classificazione Querleu-Morrow nel periodo 2007-2016, che non sono state sottoposte a chemioterapia neoadiuvante e che avevano linfonodi negativi e margini chirurgici liberi all'esame istologico finale.

Sono state eseguite statistiche descrittive e analisi di sopravvivenza. Le pazienti sono state stratificate in base al diametro patologico del tumore.

L'analisi della corrispondenza del punteggio di propensione è stata eseguita per bilanciare le caratteristiche di base nelle pazienti sottoposte a isterectomia radicale con e senza risparmio dei nervi.

Sono state incluse in totale 1.257 pazienti. 883 pazienti ( 70.2% ) sono state sottoposte a isterectomia radicale con conservazione dei fasci nervosi e 374 pazienti ( 29.8% ) sono state sottoposte a isterectomia radicale senza conservazione dei fasci nervosi.

Sono state riscontrate differenze al basale tra i gruppi di studio per lo stadio e il diametro del tumore ( maggiore utilizzo dell'isterectomia radicale senza conservazione dei fasci nervosi per tumori superiori a 2 cm o con coinvolgimento vaginale; P minore di 0.0001 ).

L'uso della terapia adiuvante nelle pazienti sottoposte a isterectomia radicale con e senza risparmio dei nervi è stato rispettivamente del 27.3% vs 28.6% ( P=0.63 ).

La sopravvivenza libera da malattia a 5 anni nelle pazienti sottoposte a isterectomia radicale con risparmio dei nervi rispetto a quelle senza risparmio dei fasci nervosi è stata rispettivamente del 90.1% vs 93.8% ( P=0.047 ).

L'isterectomia radicale senza risparmio dei fasci nervosi è risultata indipendentemente associata a una migliore sopravvivenza libera da malattia all'analisi multivariata eseguita sull'intera coorte ( hazard ratio, HR=0.50; P=0.004 ).

Inoltre, la sopravvivenza globale a 5 anni nelle pazienti sottoposte a isterectomia radicale con risparmio dei fasci nervosi è stata del 95.7% rispetto al 96.5% senza risparmio dei fasci nervosi ( P=0.78 ).

Nelle pazienti con un diametro del tumore inferiore o uguale a 20 mm, la sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata del 94.7% nell'isterectomia radicale con conservazione dei fasci nervosi rispetto al 96.2% nell'isterectomia radicale senza conservazione dei fasci nervosi ( P=0.22 ).

Nelle pazienti con tumori di diametro compreso tra 21 e 40 mm, la sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata del 90.3% nell'isterectomia radicale senza conservazione dei fasci vascolari rispetto all'83.1% nell'isterectomia radicale con conservazione dei nervi ( P=0.016 ) ( nessuna differenza significativa nel tasso del trattamento adiuvante in questo sottogruppo, P=0.47 ).

Ciò è stato confermato dopo l'analisi del propensity match score ( bilanciamento dei due gruppi di studio ).
Il modello di recidiva nella popolazione con corrispondenza per propensione non ha dimostrato alcuna differenza ( P=0.70 ).

Per i tumori inferiori o uguali a 20 mm, non è stata riscontrata alcuna differenza di sopravvivenza con un'isterectomia più radicale.
Per i tumori tra 21 e 40 mm, un'isterectomia più radicale è stata associata a una migliore sopravvivenza libera da malattia a 5 anni.

Non è stata osservata alcuna differenza nel modello di recidiva in base all'entità della radicalità. L'isterectomia radicale senza risparmio dei nervi è stata associata a una migliore sopravvivenza libera da malattia a 5 anni rispetto all'isterectomia radicale con risparmio dei nervi dopo l'analisi della corrispondenza del punteggio di propensione. ( Xagena2023 )

Bizzarri N et al, American Journal of Obstetrics & Gynecology 2023; 229: 428.e1-428.e12

Gyne2023 Onco2023 Chiru2023



Indietro