Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Xagena Mappa

Terapia sostitutiva ormonale dopo ovariectomia e rischio di cancro alla mammella tra le portatrici di mutazione BRCA1


La salpingo-ovariectomia bilaterale profilattica è raccomandata per le portatrici di mutazioni BRCA1 per prevenire il cancro ovarico.
È stato valutato in uno studio prospettico se la terapia ormonale sostitutiva ( HRT; TOS ) iniziata dopo l’ovariectomia sia associata a un aumentato rischio di carcinoma alla mammella associato a BRCA1.

Uno studio prospettico di coorte longitudinale su portatrici di mutazione BRCA1 e BRCA2 da 80 Centri partecipanti in 17 Paesi è stato condotto tra il 1995 e il 2017 con un follow-up medio di 7.6 anni.

Le partecipanti si erano sottoposte a test genetici per una mutazione BRCA1 o BRCA2 a causa di una storia personale o familiare di tumore mammario e/o ovarico.
Le portatrici di mutazione BRCA1 senza storia medica personale di cancro sottoposte a ovariectomia bilaterale dopo l'arruolamento erano eleggibili per lo studio di coorte.

Un questionario di follow-up è stato somministrato ogni 2 anni per ottenere informazioni dettagliate sull'uso della terapia ormonale sostitutiva.

Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ) associati con l'inizio della terapia ormonale sostitutiva post-ovariectomia.

L’esito principale era il carcinoma mammario incidente.

Nello studio sono state incluse in totale 872 portatrici di mutazione BRCA1 con un periodo di follow-up medio post-ovariectomia di 7.6 anni.
L'età media delle partecipanti era di 43.4 anni. Tra queste, sono stati diagnosticati 92 casi di cancro al seno incidente ( 10.6% ).

Nel complesso, l'uso della terapia ormonale sostitutiva dopo ovariectomia non è stato associato a un aumentato rischio di cancro al seno.
L'hazard ratio era di 0.97 ( P=0.89 ) per l'uso di qualsiasi tipo di terapia TOS rispetto a nessun uso; tuttavia, gli effetti dell'estrogeno da solo e della terapia ormonale combinata erano diversi.

Dopo 10 anni di follow-up, l'incidenza cumulativa di tumore al seno tra le donne che hanno utilizzato terapia TOS con solo estrogeni è stata del 12% rispetto al 22% tra le donne che hanno utilizzato estrogeni più terapia ormonale sostitutiva con progesterone ( differenza assoluta, 10%; log rank P=0.04 ).

In conclusione, i risultati suggeriscono che l'uso di estrogeni dopo ovariectomia non aumenta il rischio di cancro al seno tra le donne con una mutazione BRCA1 e dovrebbero rassicurare le portatrici della mutazione BRCA1 che stanno considerando la chirurgia sul fatto che la terapia di sostituzione ormonale preventiva è sicura.
Il possibile effetto avverso della terapia TOS contenente progesterone merita ulteriori studi. ( Xagena2018 )

Kotsopoulos J et al, JAMA Oncol 2018; 4: 1059-1065

Gyne2018 Onco2018 Chiru2018 Farma2018


Indietro