Probiotici innovativi
OncoGinecologia
ESG 2017
Tumore Mammella

Trattamento non-chirurgico del sanguinamento mestruale intenso


È stata confrontata l'efficacia dei trattamenti non-chirurgici nell’ambito dei sanguinamenti uterini anomali relativamente a controllo dell'emorragia, qualità di vita ( QOL ), dolore, salute sessuale, soddisfazione del paziente, trattamenti aggiuntivi necessari ed eventi avversi.

Sono stati cercati nei database scientifici fino a maggio 2012 gli studi randomizzati controllati sui trattamenti non-chirurgici per sanguinamento uterino anomalo ritenuto secondario a disfunzione endometriale e sanguinamento uterino anomalo ritenuto secondario a disfunzione ovulatoria.

I trattammenti includevano il sistema intrauterino Levonorgestrel, contraccettivi orali combinati, progestinici, farmaci anti-infiammatori non steroidei ( FANS ) e antifibrinolitici.
Gli agonisti dell'ormone rilasciante la gonadotropina, il Danazolo e il placebo sono stati utilizzati come comparatori.

26 studi hanno incontrato i criteri di inclusione.

Per la riduzione del sanguinamento mestruale nelle donne con sanguinamento uterino anomalo ritenuto secondario a disfunzione endometriale, il sistema intrauterino Levonorgestrel ( riduzione del 71-95% ), i contraccettivi orali combinati ( riduzione del 35-69% ), i progestinici orali per cicli estesi ( riduzione dell’87% ), l’Acido Tranexamico ( riduzione del 26-54% ) e i FANS ( riduzione del 10-52% ) sono risultati tutti trattamenti efficaci.

Il sistema intrauterino Levonorgestrel, i contraccettivi orali combinati e gli antifibrinolitici sono risultati tutti superiori ai progestinici di fase luteale ( aumento di sanguinamento del 20% fino a riduzione del 67% ).

Il sistema intrauterino Levonorgestrel era superiore ai contraccettivi orali combinati e ai FANS.

Gli antifibrinolitici sono stati superiori ai FANS per la riduzione del flusso mestruale.

I dati sono risultati limitati per altri esiti importanti come la qualità di vita per le donne con sanguinamento uterino anomalo ritenuto secondario alla disfunzione endometriale e per tutti gli esiti per le donne con sanguinamento uterino anomalo ritenuto secondario a disfunzione ovulatoria.

In conclusione, per la riduzione della perdita ematica media nelle donne con sanguinamento mestruale intenso ritenuto secondario a disfunzione endometriale, l'utilizzo del sistema intrauterino con Levonorgestrel, oltre ai contraccettivi orali combinati, progestinici di fase luteale e FANS, è raccomandato.

Per gli altri esiti ( qualità di vita, dolore, salute sessuale, soddisfazione del paziente, trattamenti aggiuntivi necessari ed eventi avversi ) e per il trattamento del sanguinamento uterino anomalo ritenuto secondario a disfunzione ovulatoria non è stato possibile formulare raccomandazioni sulla base dei limitati dati disponibili. ( Xagena2013 )

Matteson KA et al, Obstet Gynecol 2013; 121: 3: 632-643

Gyne2013 Farma2013


Indietro